clementQuesto blog è dedicato alla memoria di Clement Meric, ucciso a Parigi il 5 giugno per mano nazista, quindi ci è venuto spontaneo iniziare a riportare uno stralcio del primo bollettino pubblicato dal Comitato per Clement. Successivamente tradurremo il resto. In questo numero vengono discussi i fatti avvenuti e si restituisce una verità troppo spesso oscurata dai vaneggiamenti e dai deliri dell’estrema destra e da alcuni media compiacenti; si ricorda l’impegno di Clement, in particolare nella lotta antispecista, si pubblica la lettera inviata ai parenti di Pavlos, assassinato da Alba Dorata in Grecia e, infine, vengono riassunte le settimane di proteste e gli omaggi a Clement, fatti nel mese di giugno. Di seguito quanto successo il 5 giugno 2013.
CLEMENT E’ VIVO E LOTTA INSIEME A NOI!

Il Comitato comprende amici, parenti e compagni di Clement, che lavorano a stretto contatto con la famiglia e gli avvocati. Si è posto l’obiettivo di seguire i processi, di organizzare una campagna politica in modo che nessuno dimentichi Clement e di raccogliere fondi per le spese necessarie a questi obiettivi. Il comitato userà tutti i mezzi legali a sua disposizione per opporsi a coloro che vorrebbero infangare la memoria di Clement. Il Comitato per Clement utilizza diversi mezzi di comunicazione per sostenere e diffondere il proprio lavoro.

I fatti:

Mercoledì 5 giugno 2013, tre antifascisti e il padre di uno di loro si recano ad un mercatino privato di abbigliamento che offre prezzi vantaggiosi. Alla fine della vendita, dopo aver pagato per i loro acquisti, arrivano due uomini e una donna con un look apertamente neonazista: magliette con scritte razziste, bomber, teste rasate, ecc . Due dei tre amici, usciti per primi, vedono dei tirapugni negli zaini che han lasciato all’entrata. La guardia alla porta li guarda e con tono sorpreso, dice: “Esistono ancora persone così? “.

Nel frattempo, all’interno del negozio, il terzo amico è in coda con il padre. Le sue convinzioni antifasciste gli proibiscono di restare in silenzio davanti a quegli individui i cui tatuaggi sono la glorificazione del nazismo, a dispetto dei suoi milioni di vittime. È importante sottolineare che, mentre i gruppi violenti di estrema destra intendono appropriarsi delle nostre strade, attaccando i bar omosessuali, sorvegliando le strade e attaccando le donne velate, noi ci rifiutiamo di guardarci attorno. Questo è quanto successo, che è stato chiamato provocazione. Ciò permette oggi di dire che ” il gruppo di estrema sinistra è stato il più violento”, ma rispondere verbalmente all’esibizione di simboli razzisti e qui apertamente nazisti, non è che ciò che ognuno di noi dovrebbe fare?

I tre amici, poi, lasciano il negozio e si dividono dal padre di uno di loro, che va a casa. Si incontrano con Clement, amatore di abbigliamento e di moda, assiduo di questo negozietto con nuovi arrivi quotidiani. Gli dicono che ci sono neonazisti nel negozio e decidono di non rimanere a lungo, dopo lo scambio verbale. Vengono avvicinati da una delle guardie del negozio che gli chiede di non creare problemi. Lo rassicurano che con le braccia cariche di borse della spesa, su una strada trafficata e di fronte a una telecamera di sorveglianza, sarebbe veramente stupido per provocare una rissa.

Pochi minuti dopo, appare il gruppo. E ‘chiaramente aumentato, ora con tre uomini e una donna. Si dirigono direttamente verso di loro, con la mano destra in tasca. Arrivati al loro livello, si fermano e li guardano. Uno che si rivelerà essere Esteban Morillo si avvicina. Avanza dritto verso Clement. I suoi amici lo seguono con intenzioni ben poco amichevoli. ” Non vi avvicinate, altrimenti si colpisce”. Il monito lanciato dagli antifascisti ha avuto poco effetto. Esteban si avventa su Clement, dà un primo pugno e lui stesso è colpito dagli amici di Clement. Altri fascisti entrano nella mischia, armati. Un quinto arriva in rinforzo brandendo la sua cintura. Clement si ritrova solo davanti a Esteban che lo colpisce ancora. Clemente cade all’indietro. Non si alzerà più.

Accanto al suo corpo senza vita e insanguinato, continua la lotta. Piovono colpi di tirapugni. Uno degli amici di Clement, bloccato contro la parete da due avversari, riesce a proteggersi il viso, ma vedrà in seguito diversi tagli sul braccio. Un altro ha il volto segnato dai colpi. Tra grida di passanti terrorizzati, che sono i primi a potersi avvicinare a Clement, agli estremisti di destra non importa uno secondo del corpo di Clement. Infine, il trambusto della via dello shopping e la folla che si forma, permette loro la fuga. Due amici di Clement li inseguono, mentre un terzo si avvicina a Clement e chima i soccorsi. Ma è troppo tardi. E’ stato portato in ospedale privo di sensi dove ne viene dichiarata la morte cerebrale.

L’estrema destra può anche provare il tutto per tutto, parlare di legittima difesa, inventare immagini video o un agguato. La realtà è ben diversa. Otto attivisti di destra erano sul luogo, oltre la metà specificamente chiamati per scontrarsi con “la sinistra”. La maggior parte erano armati . Di fronte a loro, quattro studenti la cui unica colpa è quella di condividere i valori di antifascismo e di aver rifiutato di abbassare lo sguardo.

Un amico di Clement presente al momento dei fatti

NI OUBLI! NI PARDON!

 Bollettino n.1 originale in francese

Altri articoli tradotti:

Bollettino per Clement

CLEMENT_dax